Gaza invasa sarà sottomessa? chi potrà controllarla e governarla? a che prezzo? domande senza risposta sul Jerusalem Post

Gaza invasa sarà mai sottomessa? chi potrà controllarla e governarla? a che prezzo? domande senza risposta di Yonah Jeremy Bob sul Jerusalem Post

di Mario Tafuri
Pubblicato il 5 Novembre 2023 - 12:09
Gaza invasa sarà mai sottomessa? chi potrà controllarla e governarla? a che prezzo? domande senza risposta di Yonah Jeremy Bob sul Jerusalem Post.

Gaza invasa sarà mai sottomessa? chi potrà controllarla e governarla? a che prezzo? domande senza risposta di Yonah Jeremy Bob sul Jerusalem Post.

Gaza invasa, sarà mai sottomessa? E chi potrà controllarla e governarla? A che prezzo?

La serie di domande viene spontana dopo avere letto un lungo articolo, di oltre 1.500 parole, di Yonah Jeremy Bob sul Jerusalem Post.

Ad oggi, scrive Bob, e cioè a circa una settimana dall’inizio dell’invasione e nonostante i suoi numerosi successi, l’IDF è lungi dall’aver ucciso o arrestato la stragrande maggioranza delle forze di Hamas. Inoltre, non è riuscito nemmeno a rallentare, e tanto meno a eliminare, il lancio di razzi sulle comunità di confine di Gaza o sull’area di Tel Aviv.

Con un gran numero di truppe, l’IDF è penetrato nei quartieri di Gaza in cui non era entrato da quasi 20 anni, compreso il campo profughi di Shati vicino alla costa, il quartiere di Zeitun e il quartiere di al-Furqan.

L’uso combinato di veicoli corazzati da trasporto truppe in combinazione con artiglieria, carri armati, droni e aerei sta riuscendo per lo più a stanare le forze di Hamas che tendono un’imboscata senza una significativa perdita di vite umane per le forze dell’IDF.

Entro pochi giorni dal 7 ottobre, 1.500 terroristi di Hamas nel sud di Israele furono uccisi e alla fine della prima settimana Hamas fu sgomberato dal sud.

Si stima che Hamas e la Jihad islamica abbiano una forza combattente fra i 15.000 e i 50.000 uomini. Qualunque cosa significhi “migliaia di morti”, cosa che l’IDF ha dichiarato di aver raggiunto, non si avvicina nemmeno lontanamente alla stima più bassa delle forze nemiche a Gaza.

È difficile dire quante forze di Hamas debbano essere uccise per renderle incapaci di mantenere il controllo di Gaza, ma è difficile immaginare che ciò accada se meno del 60%-80% delle sue forze non vengono arrestate o uccise.

Allora come riesce l’IDF a raggiungere questo obiettivo, cosa che fino ad oggi non è riuscita?

In parte dipende da dove si nasconde Hamas.

Se la maggior parte delle sue forze si trova nei tunnel del nord, allora una volta che l’IDF ricoprirà il nord con più truppe e distruggerà o entrerà nella vasta rete di tunnel (alcuni stimano 1.300 per tutta Gaza), troverà e arresterà o ucciderà la maggior parte dei tunnel. di Hamas.

Ma cosa succederebbe se la maggioranza delle forze di Hamas si nascondessero nelle dozzine di ospedali di Gaza? Una recente stima delle Nazioni Unite afferma che 117.000 palestinesi si stanno rifugiando nei numerosi ospedali di Gaza.

Se solo il 10% di questi “rifugiati” diventano combattenti di Hamas e si stanno temporaneamente trasformando in popolazione civile, come potrà l’IDF sapere quando incontra i terroristi di Hamas? E quando l’IDF prenderà la difficile decisione di avvicinarsi e prendere il controllo di luoghi sensibili come gli ospedali in questione?

Di tutti gli ospedali, l’ospedale Shifa, che si trova nel nord di Gaza, è conosciuto come il più importante perché si dice che molti alti funzionari di Hamas si nascondano lì ogni volta che scoppia una guerra. Quando l’IDF prenderà il controllo di Shifa e utilizzerà la forza aerea e l’artiglieria o entrerà con forze speciali?

Non appena l’IDF “farà il grande passo” per portare via sistematicamente tunnel, ospedali, moschee e strutture delle Nazioni Unite, come nascondigli di Hamas, il gruppo terroristico aumenterà il costo delle morti dell’IDF e delle morti di civili palestinesi.

Finora gli israeliani non si sono tirati indietro più di tanto. Ma quando l’invasione inizierà ad estendersi sistematicamente nelle aree in cui Hamas si nasconde, e il numero di una ventina di soldati israeliani morti salirà a oltre 100 – o raggiungerà le stime dell’intelligence dell’IDF del 2014 secondo cui il costo in vite umane di un’invasione sarebbe di 500-1.000 soldati dell’IDF – il pubblico israeliano mantiene ancora il sostegno?

Un’altra possibilità è che la maggior parte delle forze di Hamas siano fuggite nel sud di Gaza insieme al milione di civili fuggiti lì dal nord di Gaza.

L’IDF ha attività nel sud, ma l’invasione non è iniziata in modo serio. Se la maggior parte dei terroristi di Hamas si trova nel sud, allora fino a quando l’IDF non inizierà a invadere lì in modo serio, la vera battaglia non sarà iniziata (questo nonostante sia trascorso un mese dall’inizio della guerra).

Se le vittime dei soldati israeliani aumentassero e i razzi continuassero senza che si intraveda una fine rapida, e senza uccidere abbastanza forze di Hamas da porre effettivamente fine alla capacità di Hamas di controllare Gaza una volta che l’IDF se ne sarà andato, il sostegno in Israele per un’invasione continuata per diversi mesi potrebbe vacillare. .

Allo stesso modo, più a lungo continua l’invasione, con tutti i problemi di pubbliche relazioni e diplomatici che comporta, maggiore sarà la pressione da parte degli Stati Uniti e dell’UE affinché Gerusalemme fermi l’invasione – sia che “il lavoro” sia finito o non.

L’ultimo attacco al campo profughi di Jabalya, che sembra aver colpito molti civili e molti terroristi di Hamas, o qualche incidente simile futuro, ne è un esempio calzante. Gli Stati Uniti e l’Unione Europea diranno che Israele ha fatto molto più che mai contro Hamas, che ha dato allo Stato ebraico un sostegno maggiore del solito, ma che il costo in vite civili palestinesi è diventato troppo alto (già fa impallidire il numero dei civili israeliani).

Finché il più ampio conflitto israelo-palestinese non sarà risolto o qualcuno che governa Gaza sarà abbastanza potente da mantenere la stabilità ed evitare il conflitto con Israele, è improbabile che la semplice uccisione dei massimi leader metta fine alla “resistenza” anti-israeliana, che dura da decenni. ideologia.

Ciò alimenta anche la domanda successiva alla quale non siamo nemmeno vicini: a chi Israele cercherà di cedere il controllo di Gaza?

La domanda è “provare”, perché nessuno potrebbe essere disposto a prendere il controllo: che si tratti dell’Autorità Palestinese, delle Nazioni Unite, di una coalizione occidentale, di una coalizione araba o di un ibrido delle precedenti. E chiunque osi prendere il controllo potrebbe cadere di fronte a qualunque resistenza di Gaza si presenti in seguito.

Secondo un trend piccolo ma più positivo, Hezbollah viene in qualche modo spinto indietro dal confine settentrionale di Israele.

Sebbene il gruppo terroristico libanese sia riuscito e riuscirà ancora a lanciare razzi e missili anticarro, i costanti attacchi preventivi da parte di droni, aerei, artiglieria e carri armati dell’IDF contro i terroristi Hezbollah che si avvicinavano vicino al confine hanno talvolta costretto il gruppo ad attaccare da leggermente lontano. più in profondità nel suo territorio.

Si tratta più di una vittoria tattica che di una vittoria strategica, combinata con il quadro strategico di Israele che riesce a impedire a Hezbollah di intervenire con più delle sue potenze belliche, ma ha liberato la mano di Israele nel sud.

Se quella mano libera si muoverà abbastanza velocemente e con sufficiente abilità da porre fine alla minaccia di Hamas dopo oltre 15 anni rimane la questione aperta.