Vieni da me, Andrea Montovoli a Caterina Balivo: “La morte di mio padre ha stroncato il mio sogno”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 aprile 2019 17:25 | Ultimo aggiornamento: 10 aprile 2019 17:25
Andrea Montovoli a Vieni da me: Morte di mio padre stroncato il mio sogno

Vieni da me, Andrea Montovoli a Caterina Balivo: “La morte di mio padre ha stroncato il mio sogno”

ROMA – Andrea Montovoli ospite di Caterina Balivo a Vieni da me parla della sua carriera e soprattutto della sua vita, segnata dalla morte del papà per un aneurisma quando aveva appena 12 anni. Una perdita che l’ha portato ad allontanarsi dal suo sogno: giocare a calcio da professionista. Il modello, attore e deejay ha trovato il successo prima in teatro, poi è arrivato al grande pubblico con l’esperienza di Ballando con le stelle condotto da Milly Carlucci.

Andrea ha mostrato alla Balivo e al pubblico il suo lato emotivo, commuovendosi parlando della sua vita. Protagonista dell’intervista musicale di Vieni da me, Montovoli ha parlato della morte di suo padre: “La leva calcistica della classe ’68 è una canzone a cui sono molto legato perché mi ricorda un periodo della mia vita belo che poi è stato stroncato dalla morte di mio padre. Avevo 12 anni, giocavo in una squadra di Bologna e dovevo passare al Parma. Poi ho perso mio padre e ho smesso di seguire gli allenamenti, ho cambiato le abitudini e ho abbandonato il sogno della leva calcistica”.

L’attore ha poi parlato della malattia che ha stroncato il suo papà, commuovendosi: “L’ho perso per un aneurisma. Quella mattina non si svegliava ed era entrato in coma nel sonno. Insieme a mia mamma ho provato a svegliarlo. Poi abbiamo chiamato l’ambulanza ed è rimasto un mese in coma. Abbiamo provato a fargli ascoltare le canzoni, le nostre voci, ma ci ha lasciato anche se è sempre con me. Ci parlo ogni tanto e mi dà la forza giusta”.

Oggi Andrea gioca per beneficenza e per divertirsi e spiega: “Sono contento lo stesso. Nella vita, quando non riesci a realizzare un sogno, è importante coltivarne altri”. Lui infatti ha coltivato la passione per lo spettacolo e racconta che una canzone che gli è cara è “Per dimenticare” degli Zero Assoluto, che fa parte della colonna sonora di “Scusa, ma ti voglio sposare”, film in cui ha recitato: “In quel periodo stavo facendo Ballando con le stelle e giravo questo film. E’ stata un’esperienza molto forte e molto bella”.

La sua carriera, però, è iniziata dal teatro: “Sono arrivato al cinema partendo dal teatro. Ho cominciato con una compagnia teatrale a Bologna. Poi Pupi Avati mi scelse per ‘Il papà di Giovanna’ e cominciai a fare qualche piccola parte. Poi sono arrivato da zia Milly che mi ha fatto conoscere al grande pubblico”. Dal prossimo 11 aprile, Andrea sarà al cinema nel film “Dagli occhi dell’amore”.