Beppe Grillo blog: “Proporzionale o maggioritario?”. M5s vota legge elettorale

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 gennaio 2014 11:47 | Ultimo aggiornamento: 22 gennaio 2014 12:24
Beppe Grillo blog: "Proporzionale o maggioritario?". M5s vota legge elettorale

Beppe Grillo blog: “Proporzionale o maggioritario?”. M5s vota legge elettorale

ROMA – “Proporzionale o maggioritario?”. Questa la domanda apparsa sul blog di Beppe Grillo e rivolta agli elettori del Movimento 5 stelle, chiamati a votare online la proposta per la legge elettorale. Dalle 10 alle 19 del 22 gennaio gli iscritti potranno votare su un primo aspetto. Seguiranno altri quesiti e “per febbraio la legge nelle sue linee essenziali sarà pronta”.

Beppe Grillo sul blog nel post dal titolo: “Consultazione M5s: proporzionale o maggioritario?” scrive:

“Oggi puoi votare, se sei iscritto certificato al M5S, sulla legge elettorale che verrà presentata in Parlamento dai nostri portavoce. Il primo quesito è tra proporzionale e maggioritario. Il professor Aldo Giannulli in un video ha argomentato i pro e i contro delle due scelte e ha risposto alle domande durante l’ultima settimana sul suo blog e in diretta su La Cosa.

Se vuoi puoi vedere (o rivedere) la registrazione prima del voto. Il tuo voto per partecipare a una scelta fondamentale è importante, essere cittadino attivo è un tuo diritto. Informazione e condivisione sono le parole della democrazia, ignote ai partiti che si riuniscono nelle loro sedi tra pregiudicati, pagate dai finanziamenti pubblici, in privato, per decidere le sorti di 60 milioni di cittadini italiani trattati come sudditi, tenuti fuori dalla porta del Potere. Per fine febbraio la legge elettorale del M5S nelle sue linee essenziali sarà pronta.

Il sistema di votazione sarà attivo oggi mercoledì 22 gennaio dalle ore 10:00 alle ore 19:00”.

Per la seconda volta gli elettori del Movimento 5 stelle sono chiamati al referendum online, strumento già utilizzato per le questioni politiche e per la scelta o espulsione dei candidati in Parlamento. Solo 10 giorni fa il voto online è stato lanciato sulla questione dell’abolizione del reato di clandestinità, una votazione che però ha suscitato polemiche per l’annuncio all’ultimo minuto e il poco tempo a disposizione degli elettori per accedere al voto elettronico, oltre che la mancanza di una società terza che certificasse la correttezza delle operazioni di voto. 

Ecco il video di Aldo Giannulli: