Nantes, morto uno degli 11 feriti. Proiettile contro sinagoga a Nord di Parigi

di redazione Blitz
Pubblicato il 23 Dicembre 2014 16:07 | Ultimo aggiornamento: 23 Dicembre 2014 16:08
Nantes, morto uno degli 11 feriti. Proiettile contro sinagoga a Nord di Parigi


Nantes, morto uno degli 11 feriti. Proiettile contro sinagoga a Nord di Parigi

NANTES –  Dolore a Nantes e paura a Nord di Parigi. E’ morto uno degli undici feriti dell‘attentato del 22 dicembre a Nantes, quando un uomo si è deliberatamente lanciato col suo furgone contro un mercatino di Natale, al grido di “Allah Akhbar” (Allah è grande, ndr). L’uomo poi è sceso dal furgone e si è ferito con 9 coltellate. Contemporaneamente a nordest di Parigi, un proiettile è stato sparato contro la piccola sinagoga di rue Danjon. L’incidente è avvenuto intorno alle 21.30 di lunedì sera.

Il colpo esploso da un’arma ad aria compressa, ha quasi sfondato il vetro della stanza in cui si trovavano il rabbino e il suo assistente. Secondo il sito di informazione franco-israeliano JSSNews, il colpo è stato indirizzato contro l’unica finestra oltre cui si vedeva una luce accesa, ma il proiettile non è riuscito a sfondare il vetro. Il rabbino e l’assistente hanno subito contattato la polizia, che sarebbe alla ricerca di due persone che sono state viste vicino alla sinagoga e sentite “parlare forte” appena prima dello sparo.

E’ allarme lupi solitari in Francia. episodi di questo tipo si verificano sempre più spesso e con sempre più frequenza. Ma le autorità continuano a parlare di episodi isolati. L’ultimo domenica 21 dicembre a Digione, dove un uomo ha investito con la sua auto 13 persone in nome di Allah. Anche ieri sera il procuratore capo di Nantes, Brigitte Lamy, ha assicurato che si è trattata di un’azione isolata e che “non si può parlare di terrorismo“.

Foto LaPresse/Reuters