lino_banfi_sfida_mark_Zuckerberg lino_banfi_sfida_mark_Zuckerberg

Lino Banfi, censurata pagina fan con sue gag. L’attore scrive a Facebook: “Perché ce l’hai con me?”

Lino Banfi da una parte, Mark Zuckerberg dall’altra. L’attore pugliese ha scritto una lettera al Corriere della Sera in cui accusa Facebook di mettere al bando le pagine dei fan che parlano di lui e riportano le sue gag.

Lino Banfi, censurata pagina fan con sue gag

Il caso è scoppiato dopo che il social network ha deciso di censurare la pagina con più di 27 mila membri “Noi che amiamo Lino Banfi official”. La dicitura è sempre la stessa: la pagina è stata disabilitata per il mancato rispetto degli standard della community.

Ovviamente la pagina era piena delle espressioni tipiche dell’attore. E a detta dell’algoritmo appartengono comunque al linguaggio volgare.

Lino Banfi contro Mark Zuckerberg, la lettera dell’attore

Questa la lettera che Lino Banfi ha scritto al Corriere della Sera: “Caro direttore, ti scrivo pregandoti di farmi da tramite al ‘nostro quotidiano’. Mi permetto di usare il termine ‘nostro’ perché dopo sessant’anni che lo leggo ogni mattina lo sento anche un po’ mio e posso pure pregiarmi dell’amicizia del nostro editore, il grande URBÉNO! Insomma, cerco di spiegare meglio: da circa sette anni esiste un gruppo Facebook che si chiama ‘Noi che amiamo Lino Banfi‘ ideato e coordinato da Calogero Vignera. E sono davvero tante le persone di tre generazioni e di inizio di una quarta, che fanno e pubblicano cose bellissime in mio onore — il buon Calogero potrebbe ben dettagliare — e cosa succede?”

Prosegue l’attore: “Si iscrivono decine di migliaia di fan di tutte le età e zac, arriva il signor Zuckerberg che ordina ai suoi algoritmi italiani: ‘Chiudete subito Banfi!’. E tutto questo perché i miei ammiratori si scambiano idee, video, messaggi, usando il linguaggio banfiota e in questo linguaggio ci sono esclamazioni come ‘Porca putténa, disgrazieto maledetto, ti metto l’intestino a tracollo’… Quest’ultima volta la chiusura è stata motivata dall’esclamazione ‘Picchio De Sisti!’ Tutto viene cancellato, il gruppo annullato e si deve ricominciare da zero”.

“Cosa ho fatto io a Mister Mark Zuckerberg e ai suoi algoritmi?”

Banfi prosegue tra il serio e lo scherzoso: “Cosa ho fatto io a Mister Mark Zuckerberg e ai suoi algoritmi? Ci ho messo più di 60 anni per far parlare il mio linguaggio a tutti, mi chiamano Maestro, mi danno i premi alla carriera e questo mi spegne tutto! Ma come si permette ‘sto arcimiliardario maledetto che chi chezzo lo conosce? Arrivati a questo punto, se vuole la guerra, mi sfogo! CHEZZO! CHEPO DI CHEZZO! Ti metto i menischi nella scapolomerale! Ti spezzo il capocollo e te lo metto a tracollo! PORCA PUTTÉNA pertre volte e, dulcis in fundo: MI SONO ROTTO LE PELLE. E adesso fatemi pure arrestare. Grazie per l’attenzione, Direttore, con i miei più cordiali saluti, suo Lino Banfi”.

La sfida con Elon Musk

La chiusura della lettera è dedicata all’incontro di lotta che ci dovrebbe essere tra Elon Musk e Mark Zuckerberg: “Volevo anche scrivere due righe a Elon Musk, visto che pare che questa lotta all’ultimo miliardo si farà in Italia: ‘Caro Elon, devi dire al tuo rivale di lasciare in pace il nonno nazionale. Come si dice tra seri centurioni, fai il brévo e non rompere i co… siddetti!'”. 

 

Gestione cookie