India, padre invita a cena stupratore della figlia e lo tortura a morte

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 novembre 2014 16:13 | Ultimo aggiornamento: 3 novembre 2014 16:13
India, padre invita a cena stupratore della figlia e lo tortura a morte

Manifestazione in India contro gli stupri (Foto Lapresse)

DELHI – Dopo aver scoperto che la figlia di 14 anni era stata stuprata da un uomo sposato di 45 anni ed era rimasta incinta è riuscito, con una scusa, ad invitare l’uomo a cena e lo ha torturato a morte. E’ successo in India, nella capitale Delhi. 

Venerdì scorso, dopo aver scoperto che la figlia adolescente era incinta di due mesi per una violenza sessuale, l’uomo, 36 anni, ha invitato lo stupratore a mangiare a casa sua. Una volta che l’ospite è arrivato, lo ha legato ad una sedia e poi ha iniziato a bruciargli i genitali con delle pinze infuocate, più e più volte. Quando ormai il violentatore era stremato lo ha ucciso, strangolandolo.

A quel punto è uscito di casa ed è andato dalla polizia e ha raccontato tutto:

“All’inizio ho bruciato i suoi genitali e lui ha urlato dal dolore. Poi l’ho fatto una seconda volta e ha cominciato a tremare. Infine ,quando ho usato di nuovo le pinze infuocate, non si è più mosso… Ma non volevo ucciderlo”,

ha detto tra le lacrime, spiegando che aveva programmato la tortura solo perché voleva che la violenza subita da sua figlia non restasse impunita, anche perché mettendola incinta ne aveva leso l’onore.