Gaza, accordo, 4 giorni di tregua e parziale scambio ostaggi ma per Netanyahu e Hamas “la guerra continua”

Gaza, accordo, 4 giorni di tregua e parziale scambio ostaggi-prigionieri palestinesi ma per Netanyahu e Hamas "la guerra continua"

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Novembre 2023 - 08:57
Gaza, accordo, 4 giorni di tregua e parziale scambio ostaggi ma per Netanyahu e Hamas "la guerra continua"

Gaza, accordo, 4 giorni di tregua e parziale scambio ostaggi ma per Netanyahu e Hamas “la guerra continua”

Gaza, 4 giorni di tregua nella guerra, scambio diostaggi, aiuti umanitari. I termini dell’accodo ono stati definiti nella notte e annnunciati mercoledì mattina 22 novembre 2023.

 
Il governo israeliano e Hamas hanno concordato una pausa di quattro giorni nei combattimenti per consentire il rilascio di 50 ostaggi detenuti a Gaza in cambio di 150 palestinesi imprigionati in Israele e l’ingresso di aiuti umanitari nell’enclave assediata.

L’inizio della tregua non sarà immediato ma sarà annunciato nelle prossime 24 ore, si legge in una nota.

Secondo i media israeliani il primo rilascio degli ostaggi sarebbe previsto giovedì. L’attuazione dell’accordo dovrà attendere 24 ore per dare ai cittadini israeliani la possibilità di chiedere alla Corte Suprema di bloccare il rilascio dei prigionieri palestinesi, dicono i rapporti.

È quanro scrivono Nidal Al-Mughrabi and Rami Amichay per l’agenzia di stampa Reuters.

Si ritiene che Hamas detenga più di 200 ostaggi, presi quando i suoi combattenti hanno fatto irruzione in Israele il 7 ottobre, uccidendo 1.200 persone, secondo i conteggi israeliani.

Una dichiarazione dell’ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che 50 donne e bambini saranno rilasciati nell’arco di quattro giorni, durante i quali ci sarà una pausa nei combattimenti.

Per ogni 10 ostaggi aggiuntivi rilasciati, la pausa sarà prolungata di un altro giorno, senza menzionare in cambio di quanti prigionieri palestinesi.

“Il governo israeliano è impegnato a riportare a casa tutti gli ostaggi. Stasera ha approvato l’accordo proposto come prima tappa per raggiungere questo obiettivo”, si legge nella dichiarazione.

Hamas ha detto che i 50 ostaggi saranno rilasciati in cambio di 150 donne e bambini palestinesi detenuti nelle carceri israeliane. L’accordo di tregua consentirà inoltre a centinaia di camion di aiuti umanitari, medici e di carburante di entrare a Gaza, ha affermato il gruppo palestinese in una nota.

Israele si è impegnato a non attaccare o arrestare nessuno in tutte le parti di Gaza durante il periodo di tregua, ha aggiunto.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha accolto con favore l’accordo.

Il Ministero della Giustizia israeliano ha pubblicato un elenco di circa 300 prigionieri palestinesi destinati a essere rilasciati,.

L’accordo è la prima tregua di una guerra in cui i bombardamenti israeliani hanno raso al suolo zone della Gaza governata da Hamas, ucciso 13.300 civili nella piccola enclave densamente popolata e lasciato senza casa circa due terzi dei suoi 2,3 milioni di persone, secondo le autorità di Gaza.

Ma Netanyahu ha detto che la missione più ampia di Israele è rimasta invariata.

“Siamo in guerra e continueremo la guerra finché non raggiungeremo tutti i nostri obiettivi. Distruggere Hamas, restituire tutti i nostri ostaggi e garantire che nessuna entità a Gaza possa minacciare Israele”, ha detto in un messaggio registrato all’inizio del governo. incontro.

Hamas ha affermato nella sua dichiarazione: “Mentre annunciamo la firma di un accordo di tregua, affermiamo che le nostre dita rimangono sul grilletto e che i nostri combattenti vittoriosi rimarranno all’erta per difendere il nostro popolo e sconfiggere l’occupazione”.

“E poi saprò che è davvero finita e potrò tirare un sospiro di sollievo e dire che è tutto, è finita”, ha detto.

Qadura Fares, capo della Commissione per gli affari dei prigionieri dell’Autorità Palestinese con sede a Ramallah, ha detto a Reuters che tra gli oltre 7.800 palestinesi imprigionati da Israele c’erano circa 85 donne e 350 minori. La maggior parte è stata detenuta senza accuse o per incidenti come il lancio di pietre contro i soldati israeliani, non per aver lanciato attacchi militanti, ha detto.

Ha detto che la tregua significa che non ci sarà “nessun attacco di sorta. Nessun movimento militare, nessuna espansione, niente”.

Hamas ha finora rilasciato solo quattro prigionieri: le cittadine statunitensi Judith Raanan, 59 anni, e sua figlia, Natalie Raanan, 17 anni, il 20 ottobre, adducendo “ragioni umanitarie”, e le donne israeliane Nurit Cooper, 79 anni, e Yocheved Lifshitz, 85, il 23 ottobre.

Mentre l’attenzione si concentrava sull’accordo per il rilascio degli ostaggi, i combattimenti sul campo infuriavano.

Mercoledì nella Cisgiordania occupata un attacco di droni israeliani ha ucciso cinque palestinesi e ne ha feriti altri nel campo di Tolkurm, ha riferito l’agenzia di stampa palestinese WAFA.

Mounir Al-Barsh, direttore generale del ministero della sanità di Gaza, ha detto alla TV Al Jazeera che l’esercito israeliano ha ordinato l’evacuazione dell’ospedale indonesiano nella città di Gaza. Israele ha detto che i militanti stavano operando dalla struttura e hanno minacciato di agire contro di loro entro quattro ore.

Martedì, Israele ha anche affermato che le sue forze hanno circondato il campo profughi di Jabalia, un’estensione urbana congestionata di Gaza City dove Hamas sta combattendo l’avanzata delle forze corazzate israeliane.

La WAFA ha detto che 33 persone sono state uccise e decine ferite in un attacco aereo israeliano su parte di Jabalia.