Bimbo resta 10 ore davanti ai videogiochi: non va in bagno e rischia di morire

di redazione Blitz
Pubblicato il 24 giugno 2018 6:30 | Ultimo aggiornamento: 24 giugno 2018 9:51
Bimbo resta 10 ore davanti ai videogiochi: non va in bagno

Bimbo resta 10 ore davanti ai videogiochi: non va in bagno e rischi di morire (foto Ansa)

LONDRA – Un bambino aveva l’intestino dilatato perché non era andato in bagno per dieci ore [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] per poter continuare a giocare ai suoi videogame preferiti: World of Warcraft, Call of Duty e Fifa.

La vicenda la racconta al Daily Mail Jo Begent, un consulente pediatrico britannico che lavora presso l’University College London Hospital: “Stavo facendo la mia clinica pediatrica generale un giorno e un ragazzo è entrato, un bambino di dieci anni zoppicando e con un aspetto davvero scadente. Aveva una massa che usciva dal suo bacino e mi sono fatto prendere dal panico e mi chiedevo se avesse un tipo di cancro”.

I controlli hanno rivelato che aveva una costipazione spaventosa e che il suo intestino si era dilatato. “Il suo muro vescicale era addensato. Quando ho approfondito la storia, questo ragazzo giocava con i giochi elettronici così tanto che la sua vescica e l’intestino erano deformi perché aveva smesso di andare al bagno. Disse che era stato distratto dai giochi e che aveva ignorato gli impulsi corporei di base”.

Il medico racconta che negli ultimi anni c’è stato un aumento esponenziale di casi come questo: “I problemi legati al sonno e all’obesità sono le cose che abbiamo iniziato a notare, ma questi problemi di salute fisica più profondi stanno aumentando”.

Il dottor Begent parla di ragazzini che hanno seri problemi agli ormoni, a causa del fatto che smettono di dormire. Altre volte invece, ci sono casi di ragazzini che saltano i pasti per rimanere incollati ai loro dispositivi  mettendo, in questo modo, a rischio il loro sviluppo.

Ora però c’è anche chi non va in bagno e mette seriamente a rischio la sua salute, fino ad arrivare ad avere gli organi dilatati.