Papa Francesco, operazione al colon durata tre ore: resterà ricoverato al Gemelli per 7 giorni

di Alberto Francavilla
Pubblicato il 5 Luglio 2021 12:41 | Ultimo aggiornamento: 5 Luglio 2021 12:41
Papa Francesco, operazione al colon durata tre ore: resterà ricoverato al Gemelli per 7 giorni

Papa Francesco, operazione al colon durata tre ore: resterà ricoverato al Gemelli per 7 giorni (Foto Ansa)

L’operazione al colon di Papa Francesco è durata tre ore. La sua degenza al Gemelli sarà di 7 giorni. Lo ha reso noto il direttore della Sala stampa vaticana, Matteo Bruni.

“Sua Santità Papa Francesco è in buone condizioni generali, vigile e in respiro spontaneo. L’intervento chirurgico per la stenosi diverticolare effettuato nella serata del 4 luglio ha comportato una emicolectomia sinistra ed ha avuto una durata di circa 3 ore. Si prevede una degenza di circa 7 giorni salvo complicazioni”.

Papa Francesco ha reagito bene all’intervento per stenosi diverticolare del colon

E il Papa “ha reagito bene”. Lo ha fatto sapere in tarda serata il direttore della Sala stampa vaticana, Matteo Bruni. “Il Santo Padre ha reagito bene all’intervento condotto in anestesia generale ed eseguito dal prof. Sergio Alfieri, con l’assistenza del prof. Luigi Sofo, del dott. Antonio Tortorelli e della dott.ssa Roberta Menghi. L’anestesia è stata condotta dal prof. Massimo Antonelli, dalla prof.ssa Liliana Sollazzi e dai dott.ri Roberto De Cicco e Maurizio Soave. Erano altresì presenti in sala operatoria il prof. Giovanni Battista Doglietto ed il prof. Roberto Bernabei”.

Papa Francesco ricoverato al Gemelli: è la prima volta da quando è pontefice

E’ il primo ricovero ospedaliero di Jorge Mario Bergoglio da Papa Francesco. Ora sarà degente per almeno cinque giorni al decimo piano del Policlinico universitario. Negli stessi locali che ospitarono i sette ricoveri di Giovanni Paolo II e per questo ribattezzati “il terzo Vaticano”.

Ed è anche la prima operazione chirurgica dopo quella subita a 21 anni a Buenos Aires per l’asportazione di un lobo del polmone destro. A parte quella in gran segreto di un paio d’anni fa, alla Clinica Pio XI di Roma, per una cataratta.

Papa Francesco ha voluto aspettare l’inizio di luglio, mese in cui come ogni anno riduce gli impegni e interrompe le udienze, per affrontare questo suo nuovo problema di salute, di cui finora in pochi erano al corrente.

Come il Papa ha scoperto di avere problemi al colon

A quanto si è potuto apprendere, è stato il suo nuovo medico personale, Roberto Bernabei, noto nome della Gerontologia italiana e ordinario di Medicina Interna e Geriatria proprio alla Cattolica, a focalizzare subito dopo la sua nomina, alla fine dello scorso febbraio, che il Papa aveva problemi al colon.

Si è arrivati così, passati alcuni mesi, alla decisione di programmare l’intervento chirurgico. A posteriori, si comprende anche come mai il Papa, all’Angelus di domenica scorsa, avesse più che in altre occasioni chiesto per sé le preghiere dei fedeli. “In prossimità della festa dei Santi Pietro e Paolo, vi chiedo di pregare per il Papa. Pregate in modo speciale: il Papa ha bisogno delle vostre preghiere! Grazie. So che lo farete”, aveva detto.

Il ricovero improvviso al Gemelli

Il Pontefice è arrivato intorno alle 13 di domenica 4 luglio al Policlinico Gemelli. Come sempre in forma “anonima”, con la piccola berlina e un seguito ridotto al minimo, non più di due persone. Che tutto avvenisse più o meno senza preavviso è testimoniato dal fatto che personale della sicurezza è stato richiamato all’ultimo momento dalla ferie per presidiare la degenza del Papa, che dovrebbe durare alcuni giorni.